nonsolomodellini

°°°°°° Un forum come fosse un sito dove raccogliere modellini di auto, camion, moto, aerei, navi. Statici e dinamici. °°°°°° E giocattoli diversi.
 
RegistrarsiIndiceFAQCercaAccedi
25 MARZO MostraMercato HappyModel a ROMA - QUI le info

Condividere | 
 

 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
nonsolomodellini
Admin
avatar

Numero di messaggi : 973
Data d'iscrizione : 11.04.09

MessaggioOggetto: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Mer 18 Gen 2017 - 23:41

LA VETTURA

La leggenda dice che Ferruccio Lamborghini, stanco delle piccate risposte del Drake, decida un bel giorno di ...

Inutile snocciolare ancora una volta, l'ennesima, una storia conosciuta perfino dai sassi.
Fatto è che, nel 1965, il prototipo di ciò che sarebbe stata la Miura, ovvero il suo telaio, nominato TP400, compare al cospetto del grande pubblico al Salone di Torino.
Dallara e Stanzani, con Bizzarrini al motore, avevano fatto un gran lavoro, il pubblico approvò con un'ovazione di stupore e ... Bertone si offrì di vestire quel corpo, perfetto per una mise sportiva d'impostazione moderna.

Marzo 1966, Ginevra, solo quattro mesi più tardi esordisce in società la Lamborghini Miura P400. Segno che quel capolavoro fu il frutto di un lampo, di una illuminazione artistica, non di un'idea sviluppata, e appesantita, col tempo.  
E' standing ovation!  La Miura stabilisce nuovi riferimenti assoluti, in particolare sotto il punto di vista del design che, grazie al genio di Gandini, raggiunge livelli forse mai più avvicinati.
Meccanicamente non ha novità "geniali" ma la sua architettura, tipica delle auto da corsa, trova applicazione su una vettura in "libera vendita"; e questo le dona un appeal straordinario. Le prestazioni sono superlative. I difetti ci sono, ma passano in secondo piano: la sola visione dell'auto fa dimenticare ogni altra cosa.
Così come fa dimenticare in un attimo, la Miura, l'esistenza di ogni altra sportiva fino a quel momento agognata. E ogni riferimento alle Ferrari e tutt'altro che casuale.

Nel 1967, quando iniziano le vendite, la P400 è leggermente diversa (modifiche di alcuni dettagli estetici e meccanici) rispetto all'esemplare proposto a Ginevra ma, in pratica, è quella che tutti conoscono, da sempre.

Nel 1968 nacque la P400S, versione potenziata e con alcuni dettagli di miglioramento estetico e meccanico.

Nel 1971 arrivò la P400SV, l'ultima evoluzione. La vettura riprodotta nel modellino qui presentato.
Beneficiaria delle esperienze fatte col prototipo Jota di Bob Wallace, la SV aggiunge potenza al suo motore, centimetri alla larghezza del posteriore ma, purtroppo, perde una caratteristica estetica distintiva che piaceva: la griglia che incorniciava i fari "sollevabili", quella che faceva pensare alle famose "ciglia", venne eliminata e sostituita da una banale verniciatura nera.

Nel 1974 arrivò la Countach.
Ferruccio Lamborghini iniziò così a disinteressarsi di auto.
La sua creatura assoluta aveva esaurito il suo compito, quello della Miura e quello del suo padre fondatore: essere stata, ed essere, l'auto Mito per eccellenza.

IL MODELLINO

Brevemente, senza andare troppo nello specifico ma soffermandomi solo sugli aspetti principali, sul modello direi quanto segue:
Autoart, marchio di pregio dell'universo automodellistico, ha riprodotto la Miura, nella sua versione finale SV, in varie scale e serie; fra esse v'è n'è una, la serie Signature in scala 1:43.
Tale serie raccoglie modelli che, oltre ad essere completamente apribili, hanno dettagli e fattura superiore alla media.

La Miura SV è il modello che ha inaugurato la serie Signature 1:43 nel giugno del 2011, proprio nella livrea qui presentata: rosso con interni panna, longherone sottoporta e cerchi color oro.

Le aperture sono quasi totali con portiere, cofani (doppio quello posteriore) e sportello tappo carburante apribili; manca solo la possibilità di sollevare i fari (peraltro troppo incassati) in posizione d'uso.
Per facilitare tali aperture, in particolare delle portiere, è fornito nel package del modello un attrezzo apposito, in plastica, rastremato da un lato a mo' di leva e formato al lato opposto come lente di ingrandimento per visionare le targhette, fotoincise, con i dati tecnici della vettura, applicate al motore e al telaio.  

Gli interni sono sufficienti: non dimentichiamo che è una 1:43, non si possono fare miracoli, e la Miura è una sportiva anni '60, priva di fronzoli. Il volante, però, poteva essere realizzato meglio, con la corona più sottile e, forse, anche di maggior diametro: avrebbe restituito un impatto più realistico a tutto l'abitacolo.

La plastica di parabrezza e finestrini (quest'ultimi giustamente chiusi) è di adeguato spessore, ottima trasparenza e assolutamente privo di effetti di distorsione.

Le forme del modello reale appaiono ben restituite sia nelle dimensioni che, cosa ancora più importante nella riduzione in scala, nel rapporto tra i volumi e nell'andamento delle curve del disegno originario. Tutti i dettagli sembrano essere lì dove l'occhio, guidato dalla memoria, è spinto a cercarli. E quando si arriva ai cerchi si sorride di piacere: sono belli!

Il vano motore, il vano anteriore con i relativi "servizi", e i rispettivi telaietti di supporto delle meccaniche sono ben dettagliati, restituendo così una buona ricompensa visiva.

Le fughe tra le aperture sono abbastanza buone, piuttosto precise, ma, forse a causa dello spessore della vernice, risultano "arrotondate" e non dal bordo netto; questo crea un'impressione poco piacevole, di modellino e non di "realtà".

Altri piccoli peccati, peraltro veniali, sono la presenza di microcalamite che trattengono in chiusura portiere e cofani, cosa che cozza con la realizzazione di un modello realistico, e la difficoltà di trattenere i cofani in posizione aperta.
 
In finale questa Miura SV di Autoart è un modello di indubbio valore: un diecast composto da 468 parti tutte ben progettate, costruite e assemblate con cura quasi artigianale. Può piacere o meno la scelta delle aperture, che nel mondo dell'1:43, si sa, è da sempre  fonte  di discussioni animate: chi è nato e cresciuto con le M di Politoys non ci troverà nulla di scandaloso, gli altri si adegueranno o, più semplicemente, non la prenderanno sul serio.
Difficile però non riconoscere la bellezza che emana; grazie anche al soggetto riprodotto, ovviamente.

Ultima nota: il prezzo non è, coscientemente, misurato, con i suoi 146€ di listino. Non mi sembra completamente giustificato.
Fortunatamente, con un po' di pazienza, si può avere la fortuna di catturarlo, come è successo a me, con un pay di 87€.


Buona visione  HSmile - Felicissimo





La Miura SV è il modello che ha inaugurato la serie Signature 1:43 nel giugno del 2011, proprio nella livrea qui presentata: rosso con interni panna, longherone sottoporta e cerchi color oro.



Le forme appaiono ben restituite:dimensioni, rapporto tra i volumi e andamento delle curve del disegno originario.



Le aperture sono quasi totali con portiere, cofani (doppio quello posteriore) e sportello tappo carburante apribili; manca solo la possibilità di sollevare i fari in posizione d'uso.



I fari sono troppo incassati rispetto all'originale



Tutti i dettagli sembrano essere lì dove l'occhio, guidato dalla memoria, è spinto a cercarli



Il vano motore, l'anteriore, e i rispettivi telaietti di supporto, sono ben dettagliati.



Quando si arriva ai cerchi si sorride di piacere: sono belli!



Le fughe tra le aperture risultano "arrotondate" e non dal bordo netto.



Il volante poteva essere realizzato meglio: con la corona più sottile e un maggior diametro avrebbe restituito un impatto più realistico a tutto l'abitacolo.



Per facilitare le aperture, in particolare delle portiere, è fornito nel package del modello un attrezzo apposito



_________________
obsoleto: (agg.) - nato entro l'anno del festival di Woodstock
alcuni pospongono la data di 15 anni ma confondono Wood...stock69 (festival della musica) con Stock84 (festival del superalcolico)!!
Tornare in alto Andare in basso
http://nonsolomodellini.forumattivo.com
E_428_FS
collezionista
collezionista
avatar

Numero di messaggi : 398
Data d'iscrizione : 11.01.12

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 19 Gen 2017 - 9:14

Bel modellino, ma caspita che prezzi!
Il prezzo pieno (146€) è da scippo! Evil - Diavolo No

Io da un po' non colleziono più 1/18 e ho perso di vista l'andamento del mercato, ma i miei AutoArt non li acquistavo a più di 80-90 euro e spesso a meno -all'asta-...
Tornare in alto Andare in basso
franciazzi
brufolo
brufolo
avatar

Numero di messaggi : 92
Data d'iscrizione : 20.02.12
Età : 52
Località : Ardea

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 19 Gen 2017 - 15:45

Il modellino è meraviglioso e lo conosco bene.
Per certi versi mi fa pensare agli adorati Politoys M in chiave moderna, forse per tutte quelle aperture..
Riguardo i prezzi, sono lievitati in maniera indecente (parlo in particolare dell'1/43 che è l'unico settore che frequento): purtroppo ormai la resina ha quasi soppiantato il diecast, quindi le tirature sono molto più basse di prima (per motivi di durata degli stampi).
Inoltre i modellini di buon livello riproducono auto sempre più di nicchia, il che potrebbe anche essere visto come un pregio, visto che vengono colmate tante lacune, ma nel contempo le tirature si mantengono bassissime e i prezzi, ovviamente, altissimi.
Fatevi un giretto sulle novità offerte da Carmodel, e vi si rizzeranno i capelli (vale pure per chi non ce li ha più...)
Tornare in alto Andare in basso
nonsolomodellini
Admin
avatar

Numero di messaggi : 973
Data d'iscrizione : 11.04.09

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 19 Gen 2017 - 16:03

GIUSEPPE

I tuoi 1:18?
Questo è 1:43! affraid - Impaurito

Ora per i 18 ci vogliono 2 bigliettoni 'nczzato


Hai ragione, il prezzo è esagerato, l'ho scritto anch'io nel mio articolo, e pensa che questo modello  è quello che trovi più a buon mercato (di questa serie). Ci sono modelli. come la McLaren F1 ad esempio, che spuntano prezzi vicino ai 200€!
Del resto non bisogna dimenticare che negli ultimi tempi i prezzi sono lievitati e ormai si viaggia a 60/70€ per un Autoart o un Minichamps standard (sempre 1:43), Neo, Kess e Matrix sono a un passo dai 100€, Spark galleggia a 60€; i marchi economici, compresi gli edicolosi da negozio, non vanno sotto ai 25/30€.

Purtroppo questo è il mercato; o mangi 'sta minestra ...
forse è giunto il momento di far venire loro giù dalla finestra!? Ansioso

_________________
obsoleto: (agg.) - nato entro l'anno del festival di Woodstock
alcuni pospongono la data di 15 anni ma confondono Wood...stock69 (festival della musica) con Stock84 (festival del superalcolico)!!
Tornare in alto Andare in basso
http://nonsolomodellini.forumattivo.com
nonsolomodellini
Admin
avatar

Numero di messaggi : 973
Data d'iscrizione : 11.04.09

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 19 Gen 2017 - 16:30

franciazzi ha scritto:
Il modellino è meraviglioso e lo conosco bene ...
Per certi versi mi fa pensare agli adorati Politoys M in chiave moderna, forse per tutte quelle aperture..
Fatevi un giretto sulle novità offerte da Carmodel, e vi si rizzeranno i capelli (vale pure per chi non ce li ha più...)

Nel mio articolo ho scritto:
"Può piacere o meno la scelta delle aperture ... chi è nato e cresciuto con le M di Politoys non ci troverà nulla di scandaloso, gli altri si adegueranno ... "

Come vedi, Antonio, sapevo già che avrei colto nel segno di qualcuno HSmile - Felicissimo

La resina ancora non ha soppiantato lo zoccolo duro del collezionismo; sta invadendo le nicchie, come dici tu, perchè propone soggetti inediti. Vedi Neo, Kess, Matrix e simili. Son quasi sicuro però che se ci fosse qualcuno che proponesse le stesse cose al prezzo di un diecast medio (Norev?) farebbe mercato.

Un giretto su Carmodel posso pure farlo ... magari non mi si rizzano i capelli (ormai! Smile - Felice ) ma un nitrito da qualche altra parte del corpo glielo posso dedicare! lol! - Risatona


_________________
obsoleto: (agg.) - nato entro l'anno del festival di Woodstock
alcuni pospongono la data di 15 anni ma confondono Wood...stock69 (festival della musica) con Stock84 (festival del superalcolico)!!
Tornare in alto Andare in basso
http://nonsolomodellini.forumattivo.com
E_428_FS
collezionista
collezionista
avatar

Numero di messaggi : 398
Data d'iscrizione : 11.01.12

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 19 Gen 2017 - 17:27

nonsolomodellini ha scritto:

I tuoi 1:18?
Questo è 1:43! affraid - Impaurito


Purtroppo questo è il mercato; o mangi 'sta minestra ...
forse è giunto il momento di far venire loro giù dalla finestra!? Ansioso

Sì, avevo capito la scala ridotta, ho citato i miei 1/18 solo per sottolineare ancor più la spropositata differenza di prezzo.
Riguardo l'aforisma... Direi la seconda che hai detto! Smile - Felice

Tornare in alto Andare in basso
nonsolomodellini
Admin
avatar

Numero di messaggi : 973
Data d'iscrizione : 11.04.09

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 19 Gen 2017 - 19:56

Ok; non avevo colto la tua sottolineatura - Chiedo venia

La seconda che hai detto - come dice il profeta che trasmette il culto di Quelo.

Lo stesso che dice:
"La gente non sa più quando stiamo andando
La gente non sa più quando stiamo facendo
Ti chiedi dove chi? Perché quando?
Ma la risposta non la devi cercare fuori
La risposta è dentro di te ...
E però, è sbagliata!"


A me sembra un'analisi precisa del mercato attuale delle macchinine  Crepapelle

_________________
obsoleto: (agg.) - nato entro l'anno del festival di Woodstock
alcuni pospongono la data di 15 anni ma confondono Wood...stock69 (festival della musica) con Stock84 (festival del superalcolico)!!
Tornare in alto Andare in basso
http://nonsolomodellini.forumattivo.com
Nazgul
collezionista
collezionista
avatar

Numero di messaggi : 1309
Data d'iscrizione : 28.01.12
Località : Carn Dûm

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Gio 2 Feb 2017 - 17:39

Tra le mie tante manie ho pure la Miura, ne ho 12 se non ricordo male e mi sono accorto che in linea di massima, non parlo di questo modello ovviamente, perchè non ho voglia di controllare, oggi è una delle mie 350 giornate storte, ....mi riferisco ad altri "modelli" visti e non ai modellini dei miei tempi, ed in linea di massima fanno un bordello con le varie versioni nei piccoli particolari, tipo le prese d'aria sul tetto, i fari e altre cosine che spesso distinguono una serie dall'altra. Come sapete io preferisco gli obsoleti quindi questa seppur bella a vedersi mi lascia indifferente.Sleep - Dormire

Salam haleik Wink - Occhiolino
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dolomiteclub.it/
nonsolomodellini
Admin
avatar

Numero di messaggi : 973
Data d'iscrizione : 11.04.09

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Ven 3 Feb 2017 - 1:31

Nazgul ha scritto:
Tra le mie tante manie ho pure la Miura, ne ho 12 se non ricordo male e mi sono accorto che in linea di massima ...
... fanno un bordello con le varie versioni nei piccoli particolari, tipo le prese d'aria sul tetto, i fari e altre cosine che spesso distinguono una serie dall'altra. Come sapete io preferisco gli obsoleti quindi questa seppur bella a vedersi mi lascia indifferente.Sleep - Dormire

Salam haleik Wink - Occhiolino

Riguardo a prese aria e fari questo modello è corretto.
C'è inoltre da tenere sempre presente che vetture come la Miura, prodotta in modo quasi artigianale in meno di 800 esemplari totali (le SV sono state solamente 150) ha prodotto una sorta di "multipli di modelli unici".
Ne consegue che spesso ciò che viene ritenuto un errore può essere il risultato di un confronto non omogeneo tra il modello "ufficiale" e uno effettivamente consegnato; e noi sappiamo che a volte la riproduzione dei modellini parte da vetture "di proprietà".

Per l'aspetto "obsoleto" massimo rispetto, ovviamente, ma come sai io amo le macchinine a 360°
(per altre cose preferisco i 90!  geek - Pazzo per ... )
Poi, un giorno, anche questo modellino lo diventerà ... obsoleto HSmile - Felicissimo


ps - le 350 giornate storte esistono per godere appieno delle 15/16 dritte!   tongue - Linguaccia  

_________________
obsoleto: (agg.) - nato entro l'anno del festival di Woodstock
alcuni pospongono la data di 15 anni ma confondono Wood...stock69 (festival della musica) con Stock84 (festival del superalcolico)!!
Tornare in alto Andare in basso
http://nonsolomodellini.forumattivo.com
Nazgul
collezionista
collezionista
avatar

Numero di messaggi : 1309
Data d'iscrizione : 28.01.12
Località : Carn Dûm

MessaggioOggetto: Re: 1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543   Ven 3 Feb 2017 - 8:14

Posso essere relativamente d'accordo con te. Nel senso che una Miura, per me tra le più belle auto di sempre, era sì, fatta a piacere del cliente ma per quando riguardava gli interni o particolari richieste, non so ad esempio uno poteva desiderare tra i 2 sedili un bidet in pelle di opossum tahitiano ghigliottinato mentre .... . i particolari di carrozzeria solitamente erano e rimanevano quelli di serie, non credo che un cliente facesse mettere o togliere gli sfoghi d'aria sul tetto.

Poi tutto può essere in questo pazzo mondo ma le Miura erano fatte si a misura di portafogli ma solo per quanto riguardava gadget, se mi concedi il termine o particolari arredamenti come ho già detto.

Ok poi ci sono stati pure i furbacchioni che le trasformavano in Jota (SVJ) nome dato forse in onore della classica minestra triestina o slovena scratch - Non quadra snaturando brutalmente, secondo me, la bellezza della vettura. Ma ognuno fa ciò che vuole con la sua roba ... anche Cacata

study - Leggere Tanto perché tu non mi prenda per fesso, per lo meno non di più di quello che sono, specifico che nel regolamento della FIA il paragrafo J stabiliva le specifiche per le vetture da competizione e in spagnolo sembra che la J si dica Jota. Io ho un amico nato in Cile che la J la pronuncia Gi ... e lì parlano spagnolo. Poi non so paese che vai usanze che trovi, qui dalle mie parti la Jota si fa con i fagioli e crauti o rape acidi e si pronuncia iota.

A proposito di minestre e minestroni, nel 1970 la Lamborghini incaricò Bob Wallace, collaudatore della casa, di sviluppare una versione da competizione della Miura e così nacque la Jota esemplare unico che  finì distrutto in un incidente stradale. Personalmente come già detto la trovo orribile.

Pure io amo le macchinine, non so a quanti gradi, poi mi spieghi come posso fare il calcolo study - Leggere  ma come tutto in questa palla di fango, c'è quello che emoziona di più e quello che emoziona di meno ma ai modelli di oggi non concedo sbagli perchè non sono più giocattoli ma "modelli" e per di più costano un occhio e forse anche tre lol! - Risatona grüß Gott
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dolomiteclub.it/
 
1:43 AUTOART SIGNATURE LAMBORGHINI MIURA SV - 54543
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Lamborghini Reventon
» Teoria delle Segnature

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
nonsolomodellini :: (forum) ATTUALI-
Andare verso: